Trans, abbreviazione di Transgender

Trans: differenza tra trans-gender e cis-gender

Trans è l'abbreviazione comune di “transgender”, un aggettivo nato negli anni ottanta per definire i concetti chiave del movimento LGBT, un movimento politico e ideologico proprio degli Stati Uniti d'America ma esteso ormai a buona parte del territorio mondiale.
Il movimento LGBT sostiene la tesi per la quale la sessualità non debba essere “rinchiusa” all'interno dei concetti maschio / femmina, ma sia piuttosto un flusso di elementi che ha come culmine queste due grandi sfere, e che proprio per questo motivo può essere lecito non sentirsi pienamente appartenenti a una o all'altra categoria.

C'è quindi, secondo il mondo LGBT, la possibilità concreta che l'identità di genere di ogni singolo individuo non coincida a pieno titolo con il sesso biologico assegnato alla nascita. Ecco perché esistono sostanzialmente due definizioni: trans-gender e cis-gender.
Il cis-gender è colui che si sente rappresentato dal proprio sesso biologico, il transgender è invece colui che, fin dalla nascita, si sente di identificato dal sesso opposto, non soltanto per una questione legata all'aspetto fisico ma anche e soprattutto per motivi più profondi.

Al giorno d'oggi, sebbene la società non sia pienamente disinteressata al fenomeno Trans e sebbene la vita di ogni giorno possa per un trans risultare particolarmente complessa a causa di pregiudizi e preconcetti imposti dal pensiero comune, è possibile in buona parte del mondo effettuare (legalmente, sia chiaro) interventi chirurgici e terapie ormonali atte a cambiare la propria sessualità, con il culmine ultimo del cambiamento di sessualità anche a livello legale, burocratico.

Trans: Definizione

“Trans” è il termine che viene comunemente usato, tra l'altro erroneamente e a volte proprio per questo motivo non volendo in maniera quasi offensiva, per definire chiunque abbia effettuato una transazione per passare dal proprio sesso biologico all'identità di genere desiderata. In realtà il/la “transgender” dovrebbe essere definito tale soltanto durante il passaggio dall'uno all'altro sesso, in fase di cambiamento. Una volta terminata la transazione, il trans non sarà più trans ma uomo o donna, a tutti gli effetti.